Every Day
Sardinia
Landscape
Home » , , , , , , , , , , , » Calasetta, Câdesédda in ligure tabarchino, Cal 'e Sèda in sardo Borgo di 2861 abitanti collocato nella parte settentrionale dell’isola di Sant’Antioco, è conosciuta come ‘la bianca’ per via del colore dominante delle facciate delle case. Progettata e fondata intorno al 1770, nel più ampio quadro della migrazione dei coloni liguri di Tabarka in Sardegna, costituisce, insieme a Carloforte, un’isola linguistica ligure. L’aspetto peculiare della fondazione di Calasetta è il suo progetto urbano, sicuramente uno dei più interessanti portati avanti dal riformismo sabaudo nell’isola. L’approccio pianificatorio, che reitera il modello cartesiano, è influenzato dalle avanguardie culturali del ‘700, dalla razionalizzazione degli apparati statali e burocratici propri di quel periodo storico. “L’ubicazione del borgo di Calasetta fu attentamente studiata dai funzionari governativi: insieme all’insediamento “gemello” di Carloforte, oppose una strategica morsa al transito dei tonni lungo una delle corse privilegiate nel Mediterraneo.” Dalla lettura dei piani “emerge uno schema semplice e razionale: una matrice viaria modulare, su cui reiterare i successivi sviluppi del borgo. Tale impianto costituì la soluzione più razionale per ottimizzare tempi e costi d’insediamento, oltre a garantire l’efficienza delle infrastrutture, in primo luogo l’approvvigionamento idrico. La pianificazione di Calasetta acquisì un preciso indirizzo agricolo, evidenziato dalle tipologie abitative prescelte, accompagnato da pressanti esigenze di ordine militare, dovute al costante pericolo di incursioni piratesche. Almeno nelle fasi iniziali, non si trattò di una struttura urbana addensata, con residenze a schiera”, successive ondate migratorie portarono sia all’estensione della logica cartesiana che alla densificazione e saturazione del tessuto urbano.” fonte foto satellitare: Google Earth #Repost @curatorias with @repostapp ・・・ #focusardegna #sardegna #sardinia #sardiniaexperience #sardiniamagicisland #visitsardinia #igersardegna #instagramsardegna #igers_sardegna #iger_sardegna #instasardegna #loves_sardegna #instagram_sardegna #calasetta by focusardegna

Calasetta, Câdesédda in ligure tabarchino, Cal 'e Sèda in sardo Borgo di 2861 abitanti collocato nella parte settentrionale dell’isola di Sant’Antioco, è conosciuta come ‘la bianca’ per via del colore dominante delle facciate delle case. Progettata e fondata intorno al 1770, nel più ampio quadro della migrazione dei coloni liguri di Tabarka in Sardegna, costituisce, insieme a Carloforte, un’isola linguistica ligure. L’aspetto peculiare della fondazione di Calasetta è il suo progetto urbano, sicuramente uno dei più interessanti portati avanti dal riformismo sabaudo nell’isola. L’approccio pianificatorio, che reitera il modello cartesiano, è influenzato dalle avanguardie culturali del ‘700, dalla razionalizzazione degli apparati statali e burocratici propri di quel periodo storico. “L’ubicazione del borgo di Calasetta fu attentamente studiata dai funzionari governativi: insieme all’insediamento “gemello” di Carloforte, oppose una strategica morsa al transito dei tonni lungo una delle corse privilegiate nel Mediterraneo.” Dalla lettura dei piani “emerge uno schema semplice e razionale: una matrice viaria modulare, su cui reiterare i successivi sviluppi del borgo. Tale impianto costituì la soluzione più razionale per ottimizzare tempi e costi d’insediamento, oltre a garantire l’efficienza delle infrastrutture, in primo luogo l’approvvigionamento idrico. La pianificazione di Calasetta acquisì un preciso indirizzo agricolo, evidenziato dalle tipologie abitative prescelte, accompagnato da pressanti esigenze di ordine militare, dovute al costante pericolo di incursioni piratesche. Almeno nelle fasi iniziali, non si trattò di una struttura urbana addensata, con residenze a schiera”, successive ondate migratorie portarono sia all’estensione della logica cartesiana che alla densificazione e saturazione del tessuto urbano.” fonte foto satellitare: Google Earth #Repost @curatorias with @repostapp ・・・ #focusardegna #sardegna #sardinia #sardiniaexperience #sardiniamagicisland #visitsardinia #igersardegna #instagramsardegna #igers_sardegna #iger_sardegna #instasardegna #loves_sardegna #instagram_sardegna #calasetta by focusardegna


via http://ift.tt/1zKqJ1x

Calasetta, Câdesédda in ligure tabarchino, Cal 'e Sèda in sardo Borgo di 2861 abitanti collocato nella parte settentrionale dell’isola di Sant’Antioco, è conosciuta come ‘la bianca’ per via del colore dominante delle facciate delle case. Progettata e fondata intorno al 1770, nel più ampio quadro della migrazione dei coloni liguri di Tabarka in Sardegna, costituisce, insieme a Carloforte, un’isola linguistica ligure. L’aspetto peculiare della fondazione di Calasetta è il suo progetto urbano, sicuramente uno dei più interessanti portati avanti dal riformismo sabaudo nell’isola. L’approccio pianificatorio, che reitera il modello cartesiano, è influenzato dalle avanguardie culturali del ‘700, dalla razionalizzazione degli apparati statali e burocratici propri di quel periodo storico. “L’ubicazione del borgo di Calasetta fu attentamente studiata dai funzionari governativi: insieme all’insediamento “gemello” di Carloforte, oppose una strategica morsa al transito dei tonni lungo una delle corse privilegiate nel Mediterraneo.” Dalla lettura dei piani “emerge uno schema semplice e razionale: una matrice viaria modulare, su cui reiterare i successivi sviluppi del borgo. Tale impianto costituì la soluzione più razionale per ottimizzare tempi e costi d’insediamento, oltre a garantire l’efficienza delle infrastrutture, in primo luogo l’approvvigionamento idrico. La pianificazione di Calasetta acquisì un preciso indirizzo agricolo, evidenziato dalle tipologie abitative prescelte, accompagnato da pressanti esigenze di ordine militare, dovute al costante pericolo di incursioni piratesche. Almeno nelle fasi iniziali, non si trattò di una struttura urbana addensata, con residenze a schiera”, successive ondate migratorie portarono sia all’estensione della logica cartesiana che alla densificazione e saturazione del tessuto urbano.” fonte foto satellitare: Google Earth #Repost @curatorias with @repostapp ・・・ #focusardegna #sardegna #sardinia #sardiniaexperience #sardiniamagicisland #visitsardinia #igersardegna #instagramsardegna #igers_sardegna #iger_sardegna #instasardegna #loves_sardegna #instagram_sardegna #calasetta
di http://ift.tt/1AnK0eF

CONDIVIDI SARDINIALANDSCAPE

SHARE

Segui